Attraverso questo articolo,  1ère  Position rivela i suoi consigli per riprogettare un  sito web esistente. Scopri quali elementi tenere in considerazione, analizzare e ottimizzare durante un restyling del sito.

Che cos'è una riprogettazione del sito?

Una riprogettazione del sito consiste nel  modificare l'aspetto di un sito web . Non soddisfa solo un'esigenza estetica ma punta anche sulla funzionalità del sito ottimizzandolo.

L'obiettivo di una riprogettazione del sito è  quello di soddisfare al meglio le aspettative degli utenti ottimizzando la loro esperienza . È un lavoro meticoloso e deve essere ben orchestrato per non perdere il posizionamento sui motori di ricerca. È quindi importante seguire alcuni passaggi per mantenerne il posizionamento durante la riprogettazione del sito.

La struttura ad albero di un sito web

Quando si riprogetta un sito web bisogna fare attenzione a  rispettare i tag semantici  e il loro ordine (H1, H2, H3). Anche la maglia interna  è da tenere in considerazione aggiungendo link interni ad ogni pagina del sito. Per  migliorare il suo posizionamento sui motori di ricerca , la lettura del codice HTML deve essere effettuata in modo fluido.

L'importanza delle parole chiave

Una riprogettazione del sito comporta anche un'analisi delle parole chiave utilizzate nel sito esistente. Occorre poi analizzare tramite strumenti (  Google Keyword Planner  o Google Search Console) quali parole chiave sono interessanti e rilevanti per il proprio sito. Quindi, è necessaria una selezione tra queste parole chiave tenendo conto delle ricerche degli utenti di Internet e del posizionamento dei concorrenti.

Un'esperienza utente ottimizzata

La riprogettazione del sito consente a un marchio di rafforzare la propria immagine ed essere moderno. Occorre invece rendere  piacevole il viaggio dell'utente  con un  buon caricamento delle pagine . Una pagina che impiega troppo tempo a caricarsi può irritare i visitatori e modificare il comportamento di acquisto. Ci sono molti consigli da seguire per far caricare velocemente la pagina in modo da non perdere il posizionamento.

Al giorno d'oggi è importante adattare il proprio sito web alla navigazione mobile per non essere penalizzati da Google per la sua referenziazione sui motori di ricerca.

Ottimizza i tuoi contenuti

Per massimizzarne il posizionamento nelle SERP è importante pubblicare contenuti di almeno 500 parole e inserire nel testo parole chiave scelte in precedenza. Il contenuto  deve essere rilevante  ed essere scritto in  maniera "SEO Friendly"  , ovvero con parole chiave mirate, e titoli ottimizzati sotto forma di tag "hn" ma anche integrando link interni e diritti di qualità immagine liberi. I contenuti di qualità aiutano i motori di ricerca nella loro SEO.

Ottimizza la scansione creando una mappa del sito

Per facilitare il lavoro dei robot di Google è importante ottimizzare il crawl del sito creando una sitemap che generalmente si trova a fondo pagina. Ottimizzando la scansione del sito, questi  robot indicizzeranno più facilmente il sito Web  nei motori di ricerca.

Passa a HTTPS

Quando riprogetti il ​​sito, cogli l'occasione per utilizzare HTTPS, che è un protocollo sicuro raccomandato da Google.

Questa conversione è altamente raccomandata e richiede reindirizzamenti 301 su tutte le pagine di un sito web.

Cosa puoi ricordare:

La riprogettazione di un sito non viene eseguita per capriccio. L'obiettivo non è solo una questione di estetica ma si estende alla funzionalità.

Si tratta di rafforzare l'immagine del proprio marchio e adattarsi al proprio pubblico offrendo una navigazione fluida e piacevole sul proprio cellulare.

Questo lavoro richiede l'esperienza di un'agenzia di riprogettazione del sito per realizzare il tuo progetto nel miglior modo possibile senza perdere SEO o addirittura ottimizzarlo. Oggi più che mai i brand hanno bisogno di un bel sito sul web e di  utilizzare tecniche SEO per  essere visibili e aumentare il traffico sul proprio sito.

Vieni a scoprire altri articoli relativi al web marketing, al referenziamento naturale, alla SEA o all'analisi dei dati web sul  blog di 1st  Position .

Post a Comment